Alla ricerca della felicità. La commedia americana classica

Esercizi di visione con Bruno Fornara

Dal: 6 dicembre 2019

Al: 8 dicembre 2019

Venerdì 6 dicembre ore 20.30 – 23.00

Sabato 7 dicembre ore 15.00 – 18.30

Domenica 8 dicembre ore 10.00 – 13.00

 

 

Iscrizione: 50 € (da saldare sul posto)

Museo Tornielli, Ameno

Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo che, nella Dichiarazione d’Indipendenza, stabilisce uomini e donne, “creati uguali”, hanno uguale “diritto alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità”. Incredibile, no?

Le commedie americane degli anni trenta e quaranta hanno raccolto la sfida. I registi americani sono stati aiutati anche dai tanti registi europei che, per sfuggire al nazismo, sono arrivati in America. La commedia classica promette felicità, conosce i modi per farci credere che la felicità possa, almeno in un film, esistere. Commedia, fin dai tempi dei greci e dei romani, vuol dire che gli ostacoli sulla via della felicità vengono eliminati, che i padri o altre figure, vecchie e superate, si fanno da parte e i nostri eroi, lei e lui, possono finalmente trovare posto nella società e coronare il loro sogno. La commedia prevede che la situazione finale sia migliore di quella da cui si è partiti: cosa succeda dopo la parola fine non si sa.

La comedy classica ha molte facce: lo slapstick, sfrenati inseguimenti, scontri, capitomboli; lo screwball, tutto insensatezza, stravaganza e piacere di vedere quanti guai capitano al personaggio, di solito, maschile; la variante sofisticata, elegante e raffinata; la commedia sentimentale e romantica; ci sono anche delle commedie drammatiche

Al centro sta la coppia. Lei è scattante, aggressiva, agile e spericolata. Mentre lui è infantile e bamboccione o già chiuso dentro un ruolo sociale rigido. È la donna a prendersi il maschio, educarlo, farlo diventare oggetto di piacere e di avventura. Coppia è qui sinonimo di mobilità, freschezza, vivacità. Diceva Stendhal che “la bellezza è la promessa della felicità”. E le belle commedie americane funzionano perché regalano stile, eleganza e felicità allo spettatore.

Qualche titolo? Qualche nome? Susanna di Hawks, le tante commedie di Lubitsch, L’impareggibile Godfrey di La Cava, La signora di mezzanotte e Che bella vita di Leisen, La donna di platino e Accadde una notte di Capra, Nulla sul serio di Wellman, Primo amore di George Stevens, L’orribile verità, McCarey

Spassiamocela.

 

Bruno Fornara

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Sostieni Asilo Bianco

Abbiamo tanti progetti in serbo per voi, ma abbiamo bisogno del vostro aiuto per realizzarli. Sosteneteci con una piccola donazione.

Newsletter

Copyright © All rights reserved 2020 – Associazione Culturale Asilo Bianco – Codice Fiscale 91009990036
Via Zanoni, 17 – 28010 Ameno (Novara) – Cell. +39 320 9525617 – Privacy & Cookies PolicyCredits